RICORDATO L’EROE ADAMO GIUGLIETTI

Suggestiva manifestazione a Perugia

Sabato 10 Settembre 2016, una delegazione del Comitato Pro 75° Anniversario della RSI in Provincia di Perugia guidata dal Responsabile organizzativo Paracadutista Claudio Pitti, ha reso omaggio al monumento del Serg. Pilota Adamo Giuglietti presente nell’aeroporto internazionale di Perugia.

adamo-giuglietti

Sergente Pilota Adamo Giuglietti

Giuglietti fu un giovane Volontario di Guerra di Ponte Felcino, che si arruolò per combattere contro il comunismo in terra di Spagna. Nome di battaglia “Guglielmotti”, destinato all’Aviazione del Tercio Extranjero – su aerei italiani Fiat CR.32s – fu decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare per il coraggio più volte dimostrato in combattimento. A lui è attribuito, tra l’altro, l’abbattimento di un bombardiere repubblicano (pilotato da un Bulgaro) il 30 Ottobre 1936, nei cieli di Navalcarnero. Cadde durante un’operazione di guerra, schiantandosi nei pressi di Logroño (circa 100 km a Sud di Bilbao) e fu insignito di una seconda Medaglia d’Argento con la seguente motivazione: “Sosteneva 12 mesi di dura Campagna con immutato entusiasmo eseguendo oltre 300 ore di volo di guerra sommate a difficili scorte e lunghe crociere in pieno territorio avversario. Nei numerosi combattimenti aerei sostenuti contribuiva con il suo valore alle innumeri vittorie dell’ala legionaria abbattendo personalmente quattro avversari. Il 17 Agosto 1937, nel corso di un’azione di guerra sul fronte di Santander, sorpreso da grave avaria al motore, nel tentativo di riportare il prezioso materiale in salvo perdeva la vita“.

Fino a qualche tempo fa, l’aeroporto perugino era dedicato alla sua memoria. Poi, con una decisione che ha lasciato sconcerto in chi crede nei valori patriottici, è stato sostituito con più politicamente corretto “San Francesco”, senza che nessuno abbia mai saputo il motivo. Forse il fatto che Santo di Assisi parlava con gli uccelli ha messo in ombra il valore aeronautico del Pilota legionario.

La giornata è terminata con un omaggio alla tomba di Armando Rocchi, Capo della Provincia di Perugia durante la RSI, durante il quale il Paracadutista Pitti ha illustrato le prossime attività del Comitato.

Vale la pena sottolineare l’attività cui Pitti si è dedicato in questi ultimi anni in difesa della ricerca storica e dei Caduti per la grandezza nazionale e l’onore d’Italia. Sempre guidato da un non comune amor di Patria, il Paracadutista perugino è stato nel 2012 il promotore di uno dei più importanti eventi culturali mai verificatosi nella città del grifone, il convegno di studi storici sulla Marcia su Roma che ha fatto parlare anche il prestigioso programma “Porta a Porta” di Bruno Vespa. Comandante del Reparto di Perugia dell’Associazione Nazionale Arditi d’Italia, insignito per le sue attività del Collare dell’Ordine dell’Aquila Romana, è oggi Responsabile organizzativo dei due Comitati che si occuperanno delle celebrazioni per il 75° anniversario delle Repubblica Sociale Italiana a Terni e Perugia.

In una società degenerata, dove la sovversione sostiene che essere Italiani non ha nessun senso, che la Nazione è un dettaglio da cancellare, che l’essere uomo o donna è solo un’opinione, che mamma e papà sono termini di una società bigotta, violenta e medioevale, di Uomini come Claudio Pitti ce ne è davvero bisogno.

Claudio Cantelmo

Rassegna stampa:

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cultura/881560/Adamo-Giuglietti–storia-e-memoria.html

http://edicoladigitale.ilgiornaleditalia.org/giornaleditalia/books/161002giornaleditalia/index.html#/2

Annunci